GIUSEPPE UNGARETTI E L’ALLEGRIA

L’ edizione definitiva dell’Allegria esce nel 1931, prima importante raccolta in cui Giuseppe Ungaretti riunisce, sistema e riordina le precedenti pubblicazioni che, con altri titoli, avevano contenuto le poesie che via via l’autore aveva prodotto.

La prima di queste precedenti pubblicazione risale al dicembre del 1916 e porta il titolo Il porto sepolto, un piccolo volume pubblicato a Udine da un suo amico e commilitone, il tenente Ettore Serra. Conteneva il primo nucleo dell’edizione definitiva del 1931, comprese le poesie scritte al fronte, dal 22 dicembre 1915 al 2 ottobre del 1916. La prima poesia è Veglia stesa a Cima Quarto il 23 dicembre 1915. L’ultima poesia è Commiato, concepita a Locvizza il 2 ottobre 1916.

Risultati immagini per RITRATTO DI UNGARETTI

Questi componimenti sono nati dall’esperienza dolorosa della guerra, dal compianto per la perdita di tanti commilitoni, della cui violenta fine il poeta era stato testimone nel corso degli scontri armati a cui aveva partecipato.

Risultati immagini per PORTO SEPOLTO

Un’importante porzione di questa raccolta è costituita da ricordi della vita civile, che però in qualche modo la guerra ha contribuito a far rievocare. La guerra è, dunque, il momento, l’occasione che induce alla meditazione sui grandi temi della vita e della morte, sui temi dell’amore e della trascendenza.

Risultati immagini per PORTO SEPOLTO

I versi che compongono In memoria erano incentrati proprio su un fatto riguardante la sfera personale dell’autore: la poesia rievoca la sfortunata vita dell’amico Moammed Sceab, suicida senza patria nel 1913, con cui Giuseppe Ungaretti aveva condiviso l’indirizzo di Parigi, all’albergo di rue des Carmes, nel 5 arrondissement

Risultati immagini per PORTO SEPOLTO

La poesia che da il titolo alla raccolta del 1916 Il porto sepolto reca anche un valore introspettivo, per Giuseppe Ungaretti è ciò che di segreto rimane in noi, indecifrabile. Un porto, sommerso, ad Alessandria, città natale dell’autore, doveva precedere l’epoca tolemaica, provando che la città era un porto già prima d’Alessandro.

I fiumi è una celebre composizione nella quale Giuseppe Ungaretti rievoca, con i propri ricordi personali, i fiumi che li hanno attraversati. L’immersione nelle acque, secondo il simbolismo che è ad esse proprio, comporta una morte iniziatica, cui segue una rinascita.

Ecco il commento di Eduardo Esposito a questa prima edizione dell’opera:

«Il porto sepolto è poesia della poesia, è un momento di riflessione che, dall’esperienza di dolore da cui nasce, si stacca per dire del proprio mistero e della propria felicità. Il poeta vi appare come colui che sa raggiungere il porto sepolto del nostro essere e della nostra memoria, e ne torna con un tesoro di canti da comunicare e da diffondere. Nulla gliene resta, se non la consapevolezza di quel bene toccato, di quel segreto raggiunto e tuttavia inesauribile, speranza e promessa di ulteriore consolazione» (Poesia del Novecento in Italia e in Europa vol. I pag. 140)

Nel 1919 esce la seconda edizione della raccolta, che aggiunge alcune poesie inedite. La sintetica lirica Allegria di naufragi, che dà il titolo all’opera, annuncia che il destino è una serie di rovesci, ma «il lupo di mare» non si arrende; dopo il naufragio ricomincia a navigare, euforico di affrontare l’occasione insperata di un nuovo inizio.

Risultati immagini per PORTO SEPOLTO

Un’altra celebre poesia di questa seconda edizione è Mattina.

MATTINA
Santa Maria la Longa il 26 gennaio 1917.

M’illumino
D’immenso.

Un frammento polisemantico che dà adito a una molteplicità di interpretazioni.

«E’ la poesia più breve di Ungaretti: due parole, tra di loro unite da fitti richiami sonori. Nell’illuminazione del cielo al mattino, da cui nasce la lirica, il poeta riesce a intuire e cogliere l’immensità».(Marisa Carlà Epoche e Culture volume 2 tomo II pagina 634)

Romano Luperini fornisce un diverso significato:

«La comprensione della poesia richiede di soffermarsi sulla particolare valorizzazione del titolo, indispensabile all’interpretazione corretta del significato: lo splendore del sole sorto da poco trasmette al poeta una sensazione di luminosità che provoca immediate associazioni interiori ed in particolare il sentimento della vastità. M’illumino d’immenso significa appunto questo: l’idea della infinita grandezza mi colpisce nella forma della luce. L’intensità della poesia si affida anche alla sinestesia su cui è costruito il testo, oltre che al perfetto parallelismo fonico-ritmico dei due versicoli, aperti da una elisione, costituiti da due ternari e ruotanti attorno a due termini comincianti per i e terminati per o». ( da La scrittura e l’interpretazione volume 3 tomo III pagina 144).

Maurizio Dardano aggiunge ancora una diversa interpretazione:

«Il poeta ha voluto esprimere la gioia di immergersi nella luminosa bellezza del creato, negli spazi infiniti di una mattina piena di sole». (pag.793)

Il poeta guarda il cielo libero e sgombro e pieno di luce. Percepisce una sensazione di benessere e allora si riempie di luminosità e di gioia che lo fa sentire in armonia con la natura.

Risultati immagini per MATTINA

Un’ulteriore prova del talento di Giuseppe Ungaretti si trova nella poesia Dannazione, che appartiene al filone personale e religioso della sua poetica.

DANNAZIONE
Mariano il 29 giugno 1916.

Chiuso fra cose mortali

(Anche il cielo stellato finirà)

Perché bramo Dio

In questa poesia Ungaretti esprime tutta l’ansia per la ricerca di Dio, constatando che un giorno, tutto avrà un termine e l’unica cosa che resisterà nel nulla è Dio.

Pellegrinaggio esprime invece la capacità di trovare la forza interiore per salvarsi dalle macerie della guerra. Al poeta basta una illusione per farsi coraggio. In essa il poeta formula una celebre definizione sé: «Ungaretti / uomo di pena / ti basta un’illusione / per farti coraggio».

Risultati immagini per RITRATTO DI UNGARETTI

Le poesie di guerra esprimono il dolore per la consuetudine con la violenza, per la distruzione e la morte che procurano cicatrici indelebili nel cuore del poeta, incapace di tornare a un luogo che senta suo, «innocente» nel senso di “non in grado di nuocere”, ovvero per non aver conosciuto uno stato di belligeranza che ha interessato tutto il mondo.

Nel 1923 esce un’edizione dell’opera con la prefazione di Benito Mussolini.

Risultati immagini per POESIA

Secondo Ungaretti la funzione fondamentale della poesia è di esprimere ciò che, nel più profondo dell’anima, è inesprimibile, ciò che si trova nell’inconscio. È compito del poeta portarlo in superficie. Ogni parola esprime un abisso impenetrabile; il poeta deve far emergere i segreti più nascosti.

«L’esperienza poetica è esplorazione di un personale continente d’inferno, e l’atto poetico, nel compiersi, provoca e libera, qualsiasi prezzo possa costare, il sentire che solo in poesia si può cercare e trovare libertà. Continente d’inferno, ho detto, a causa della singolarità del sentimento di non essere come gli altri, ma in disparte, come dannato, e come sotto il peso di una speciale responsabilità: quella di scoprire un segreto e rivelarlo agli altri. La poesia è scoperta della condizione umana nella sua essenza, quella di essere un uomo d’oggi, ma anche un uomo favoloso, come un uomo dei tempi della cacciata dall’Eden; nel suo gesto d’uomo, il vero poeta sa che è prefigurato il gesto degli avi ignoti, nel seguito di secoli impossibile a risalire, oltre le origini del suo buio».(Vita di un uomo. Nota introduttiva pagina 505).

Questa poetica è stata illustrata da Ungaretti nella la celebre poesia Commiato che concludeva la prima edizione de Il porto sepolto.

COMMIATO
Locvizza il 2 ottobre 1916

Gentile
Ettore Serra
Poesia
È il mondo l’umanità
La propria vita
Fioriti dalla parola
La limpida meraviglia
Di un delirante fermento

Quando trovo
In questo mio silenzio
Una parola
Scavata è nella mia vita
Come un abisso

Risultati immagini per RITRATTO DI UNGARETTI

In sintesi le novità formali e poetiche contenute in questa prima opera di Giuseppe Ungaretti sono numerose e innovative rispetto al panorama poetico italiano contemporaneo alla prima Guerra Mondiale: la verticalizzazione dell’aspetto tipografico, con i versi che coincidono in lunghezza con le parole; la mancanza di punteggiatura; la soppressione degli aggettivi e, di conseguenza, la tendenza alla nominalizzazione; la frantumazione del verso; la sintassi ridotta la minimo; la rima libera; parole ridotte all’essenziale; preponderanza del tempo presente e dell’io del poeta.

Non a caso i versi delle composizioni di Ungaretti vengono definite versicoli, come in queste righe di Attilio Cannella che sintetizzano le novità formali della raccolta

«La metrica tradizionale è frantumata in versicoli, la punteggiatura è abolita, subentrano al suo posto pause di silenzio, enfatizzate dall’uso dell’a capo; questa sillabazione non è però il frutto di un gusto ricercato, ma di una situazione di autentica sofferenza (la parola è scavata nella vita del poeta “come un abisso”. Un altro strumento espressivo usato da Ungaretti è l’analogia, che non si fonda sull’onomatopea cara a Pascoli e ai Futuristi, ma consiste, quasi come un corto circuito, nell’accostamento di cose molte distanti tra di loro. La parola assume così un significato magico, intensamente suggestivo, secondo la lezione che Ungaretti ha appreso da Mallarmé.» (Attilio Cannella La realtà e la parola Principato editore pagina 370).

Ecco il giudizio che Leone Piccioni ha espresso sulla metrica:

«La sua metrica è nuova, scarna, secca, versicoli, al massimo frantumati, anche se tra segmento e segmento circola il canto e si può ricostruire il verso; ma è infranta di colpo la tradizione accademica d’Italia del verso postpascoliano, dannunziano, crepuscolare» (Per conoscere Ungaretti, pagina 24).

Risultati immagini per FIORE COLTO

Nel 1931 esce l’edizione definitiva con il titolo L’Allegria. L’apertura della raccolta è affidata alla poesia Eterno, due versi enigmatici e profondi:

ETERNO

tra un fiore colto e l’altro donato
l’inesprimibile nulla

questa breve breve composizione preannuncia i caretteri della poesia ermetica della seconda opera di Giuseppe Ungaretti: Sentimento del tempo.

Tra un fiore colto da me e un fiore donato da Dio, vi è l’inesprimibile “nulla”. Il concetto dell’inesprimibile nulla costituisce la metafisica che rivestirà in seguito una grande importanza in un’altra lirica: precisamente nella poesia Canzone della raccolta poetica La terra Promessa, iniziata nel 1935 e pubblicata nel 1950.

Annunci